10-11 dicembre 2016 – Gita a Novellara (RE)

cena-cai

 

Partenza: sabato 10 dicembre da Egna con macchine private alle ore 16.00

Accesso: Egna – Verona- Novellara

Ritorno: domenica 11 dicembre da Novellara alle 17.00 circa

Siamo stati invitati dal CAI Novellara a partecipare alla loro cena sociale e non possiamo certo rifiutare l’occasione per una serata spensierata e golosa in allegria!

 

Sfruttiamo poi l’occasione per fare un’escursione non impegnativa sull’Appennino reggiano il giorno dopo, domenica 11 dicembre, sempre con i nostri amici di Novellara e visitare così posti nuovi e diversi dalle montagna a cui siamo abituati. 

Il pernottamento è previsto all’hotel Golf Santo Stefano di Campagnola Emilia e il costo sarà di 30 euro a testa in camera doppia o 25 euro in camera tripla/quadrupla, compreso di colazione a buffet.

Chiunque sia intenzionato a partecipare, lo comunichi a Alice Pilati (345 9744747) o a Florian Lindner (328 4830717) entro lunedì 5 dicembre.

 

Venerdì 11 novembre 2016 – Castelfeder: Geologia e Natura

castelfeder

 

 

16 ottobre 2016 – Gita AVS-CAI sul Sentiero della Posta da Ortisei a Chiusa

laion-1Proposto da: AVS Egna. Coordinatore, Werner Pichler
Partenza: da Egna in autobus alle ore 7.00 / Villa 7.05
Accesso: Egna – Chiusa – Ortisei
Difficoltà: E – ( pranzo al sacco o in albergo a Laion)
Tempo dell’intera camminata: 5 ore
Prezzo autobus: 10 € adulti / 5€ bambini
Ritorno: Partenza da Chiusa in autobus alle ore 16.30 con arrivo previsto a Egna per le ore 17.30.
Indicazione: Per questa gita si richiede la prenotazione entro il 13 ottobre.
Info: venerdì sera in sede, tel. 0471 813364

Punto di partenza dell’escursione è la piazza principale di Ortisei in val Gardena. Attraversando la zona pedonale e proseguire in direzione ovest verso la via stazione. Da qui seguire il segnavia “Poststeig” (P) imboccando la Via Nevel. Dopo circa 30 minuti dal punto di partenza alla destra devia un sentiero stretto e lastricato. Su questo camminare fino al margine del bosco, poi nel bosco e attraverso i masi al di sopra di Pontives. Questo tratto dell’itinerario non è difficile, tuttavia bisogna avere passo fermo e prestare attenzione per i tratti ripidi. Dopo questo tratto, seguono dei tratti facili lungo strade forestali e strade asfaltate, che conducono attraverso i borghi S. Pietro e Tschöfas fino a Laion. La discesa fino a Chiusa avviene lungo il sentiero nr. 5 .

laion-3laion-2

 

 

 

 

 

 

 

 

Domenica 9 ottobre 2016 – Castagnata a Malga Cislon (1420 m)

cislon

I nostri Soci, Amici, simpatizzanti sono invitati, come sempre cordialmente alla 

Castagnata sociale 

proposta e organizzata dal direttivo sezionale che quest’anno si svolge presso 

la malga del Cislon 1.420 m

Programma:

  • Chi parte da Egna per la camminata verso la malga del Cislon lungo il sentiero n. 3-1 passando per Gleno può partire dalla sede sociale di Egna alle ore 8,30.
  • Chi sale in macchina parcheggia a Trodena per dirigersi a piedi lungo il sentiero n. 1 (strada forestale) destinazione malga Cislon.

Pranzo verso le ore 12,00 alla malga.

Alle ore 15,00 inizia la vera castagnata sociale con le castagne ed il beveraggio offerto dalla sezione.

Partiamo per la castagnata con qualsiasi condizione meteo. Siamo all’interno della malga con tanto di prenotazione.

A tutti, soci e non,  il direttivo riserverà una calorosa accoglienza….

Vi aspettiamo!!!!

 

 

Invito alla Castagnata organizzata dall’ANC Egna

castagnata-2016-1

 

 

2 ottobre 2016 – Giro dei 3 laghi (Lagorai)

2

Proposto da: Elena Carlin (tel. 3272920150) e Loredana Carlon (tel. 3479406270)
Partenza: Egna ore 7.30 con mezzi propri
Accesso: Egna – Predazzo Malga di Valmaggiore
Tempo: 5 ore
Dislivello: 750 m
Difficoltà: E – ( pranzo al sacco)
Info: venerdi sera in sede, tel. 0471 813364

1Partenza dalla malga di Valmaggiore con segnavia 339: si sale per ripida mulattiera fino alla malga Moregna da cui prende nome l’omonimo lago. Proseguendo il sentiero si incrocia il segnavia 349b e si sale fino alla forcella Moregna 2397 m, punto più alto dell’escursione. Da qui una splendida veduta sul secondo lago dal nome che non ne descrive affatto la bellezza. Si scende la forcella e si giunge sulle rive del lago Brutto. Continuando sul sentiero si giunge dopo mezz’ora al terzo lago, il lago delle Trote. Riprendendo il segnavia 339 si ritorna al lago Moregna, dove si chiude il giro ad anello e si ritorna per la mulattiera alla malga di Valmaggiore.

25 settembre 2016 – Lago di Pontelletto (1850 m)

Proposta da: Gino Mittempergher
Partenza: Egna, 7.30 con mezzi propripuntleidersee-2
Accesso: Egna, Bressanone, Le Cave
Dislivello: ca. 1100 m.
Tempo: 5,30 A/R
Difficoltá: E – Medio /Difficile
Equipaggiamento: normale da montagna
Info: venerdì sera in sede CAI tel. 0471 813364

Si arriva in auto fino al parcheggio (1097 m.) subito sopra l’abitato di “Le Cave”. Da qui il sentiero nr. 15 e poi il sentiero nr. 14 sale rapidamente passando tra alcuni masi abbandonati. Si raggiunge cosi Malga Ponteletto (1777 m.), meta per sosta pranzo (per chi non vuole mangiare sempre al sacco). Non mancherá di certo un’occhiata al romantico lago situato a quota 1850 m. Rientro dallo stesso sentiero.

puntleidersee-1

Domenica 18 settembre 2016 – Prati di Rit (La Valle in Badia)

Distensivi paesaggi dolomitici al cospetto del Sasso della Croce

pares-1

Partenza: Egna ore 7,00 con mezzi propri
Accesso: San Lorenzo di Sebato-San Martino-La Valle in Badia
Indicazioni: pranzo al sacco. Indispensabile portare con sé acqua: dopo l’abitato di La Valle non vi sono fonti
Dislivello: m. 668; con salita al Piz de Pares, m.1.045
Tempo di percorrenza: 5 ore + l’eventuale salita alla cima: 2 ore
Difficoltà: E/EE
Abbigliamento: per escursionismo, senza dimenticare un indumento pesante

Venerdì 16 settembre Loredana Carlon (tel. 3479406270) è in sede dalle 20.00 alle 21.30 (tel. 0471/813364) per informazioni e raccogliere le adesioni.

Il percorso si snoda inizialmente su terreno aperto pares-2e panoramico ad iniziare dalla chiesa di La Valle. Si segue sempre il segnavia 6 che, toccando la bella chiesetta di Santa Berbora e attraversando le tipiche «viles» di Ciablun e Runch, sale per prati e nel lariceto (1863 m), fino al laghetto del valico Ju de Rit. Si procede verso destra (sud-est), per passare presto sul sentiero 13, che per bosco passa accanto all’altura Crusc de Rit (2020 m). Continuando in piano sul 13/15 per prati, il sentiero si snoda poi come una stupenda altavia attraverso prati e fienili, con aperti panorami su val Badia e Gruppo del Putia. Si giunge ad un bivio con baita (1970 m); a questo punto si innesta la salita facoltativa del pares-3Piz de Pares 2396 m, con facile percorso su roccette e detriti. Oltre la croce a quota 2364 m si tocca la panoramica cima. Qui si può sostare e attendere il ritorno del gruppo che sceglie di raggiungere la vetta. A questo punto si lascia il sentiero 13 che prosegue per Fanes e, dalla baita, si scende su sentiero 16 per bosco. Dopo un ripido tratto iniziale la sterrata diventa comoda e piacevole, fino a sboccare sull’asfaltata che, per un tratto di un chilometro circa, ci riporta alla chiesetta di Santa Berbora e a La Valle.

Domenica 11 settembre 2016 – 52 gallerie del Monte Pasubio

ASSIEME AL GRUPPO ALPINI EGNA

Partenza: Egna ore 7:00 dal parcheggio bar Sonne con autobus
prenotazione posti in autobus entro il 6 settembre 2016 a:
Celestino per il gruppo CAI: 338-2122470
Claudio per il gruppo Alpini: 335-1234865 
Percorso: Egna – Rovereto – Pian delle Fugazze
Difficoltà: EE
Dislivello: 950 m in salita e 850 m in discesa
Note: pranzo al sacco o al rif. Papa; obbligatorio scarponi solidi, torcia elettrica o frontalino (abbigliamento secondo stagione, utile l’ombrello +
mantellina impermeabile)

Prezzo autobus e navetta: 15 €

gallerie 1Da Ponte Verde (900 m) saliremo col bus navetta fino al Passo Xomo e alla Bocca di Campiglia (1245m). Qui inizierà l’escursione lunga 6 km, dei quali due in galleria. Dopo 3 ore circa di cammino, raggiungeremo il rifugio Papa (1925 m), meta per il nostro pranzo. Dopo l’inevitabile sosta ristoratrice sarà la volta della ripida discesa, la cosiddetta “strada degli eroi”, veramente impressionante. gallerie 2Proseguendo giungeremo alla galleria “generale d’Havet”, anche qui con spettacolare effetto scenografico. Sbucheremo poi dal tunnel sul versante di Vallarsa del Pasubio e seguendo numerosi tornanti giungeremo a Pian delle Fugazze dove ci attenderà l’autobus.

 

 

 

27-28 agosto 2016 – Cima Tosa (3173 m)

tosa3

Proposta da: Cristian Olivo, coordinatrice dell’escursione Claudia Zocchi
Partenza da: Egna con mezzi propri
Accesso: Egna – Molveno – taxi fino al rifugio Croz dell’Altissimo
Dislivello: il primo giorno da rifugio Croz dell’Altissimo al rifugio Pedrotti 1060 m; il secondo giorno dal rifugio Pedrotti alla Cima Tosa 682 m
Difficoltà: EEA – II+ – PD con passaggio di arrampicata di ca. 30 m
Indicazione: massimo 10 partecipanti

La Cima Tosa, con i suoi 3173 m, è la massima elevazione del magico e meraviglioso gruppo calcareo delle Dolomiti di Brenta, incastonato tra i graniti del gruppo dell´Adamello. Essa è collocata nella parte centrale del Gruppo di Brenta e si presenta come un possente massiccio roccioso con alte ed impervie pareti su tutti i versanti, al quale si accorpa a N il magnifico e maestoso Crozzon di Brenta. Solo sul versante SE, dove le pareti risultano più basse, la Tosa sembra mostrare un’evidente punto debole. La caratteristica calotta glaciale sulla sua sommità, oggi molto ridimensionata, contribuisce ad aumentare notevolmente il fascino di questa già di per sé bellissima cima.

tosa 1 tosa2